HOME / INCONTRI E RACCONTI / TRAVEL ARENA

  

Ore 9.30

Trento Film Festival :selezione di corti dalla più prestigiosa rassegna dedicata al cinema di montagna

in collaborazione con CAI Parma

Le emozioni di un’impresa, la bellezza dei paesaggi, le storie uniche di uomini e donne alle prese con la selvaggia natura.

·      Annapurna III  – Jochen Schmoll Nepal, Austria / 2016 / 13′
·      The Art of Climbing – Florian Klingler Svizzera, Austria / 2016 / 8′
·      China: a Skier’s Journey – Jordan Manley Canada / 2016 / 17′
·      When the mountains were wild – Johannes Hoffmann Albania, Austria / 2015 / 19′

  

Ore 11

Conferenza Inaugurale

Turismo & Outdoor Festival 2018

  

Ore 15

Massimo Voltolina e La Prima Traversata a nuoto non stop del mare Adriatico

A cura di TIMELESS

  

Ore 17

Viaggi e libri

Con Fulvio Ervas
A cura di Libreria Diari di Bordo

Incontro pubblico con Fulvio Ervas, un viaggio attraverso i suoi libri che si intreccia al suo percorso professionale e personale, dove la costante è rappresentata dalla letteratura e dallo studio delle scienze naturali.

  

Ore 9.45

Una maglia per il cuore

A cura di Insieme per Fare e APC

  

Ore 11.30

Il Mito della Montagna e delle Dolomiti

Paolo Martini e Michil Costa
Presentati da Emanuela Rosa – Clot

Il giornalista e scrittore Paolo Martini e l’albergatore Michil Costa, presentati dal direttore responsabile di Bell’Italia, Bell’Europa, in Viaggio e Gardenia Emanuela Rosa-Clot, intervengono in una conversazione sul mito della montagna e delle Dolomiti, portando le loro esperienze e i loro racconti.
Nell’occasione, Martini presenta il suo recentissimo libro-inchiesta sulle Dolomiti come patrimonio da salvare Bambole di pietra (editore Neri Pozza).

  

Ore 13

Trento Film Festival :selezione di corti dalla più prestigiosa rassegna dedicata al cinema di montagna

in collaborazione con CAI Parma

Le emozioni di un’impresa, la bellezza dei paesaggi, le storie uniche di uomini e donne alle prese con la selvaggia natura.

·      Annapurna III  – Jochen Schmoll Nepal, Austria / 2016 / 13′
·      The Art of Climbing – Florian Klingler Svizzera, Austria / 2016 / 8′
·      China: a Skier’s Journey – Jordan Manley Canada / 2016 / 17′
·      When the mountains were wild – Johannes Hoffmann Albania, Austria / 2015 / 19′

  

Ore 16

Viaggio tra le creature magiche dell’Appennino

Con Andrea Gatti, Giacomo Agnetti, Mario Ferraguti
A cura di Libreria Diari di Bordo

Ci sono esseri che sono stati creati dai racconti e hanno continuato, per millenni, a popolare l’immaginario delle comunità dell’Appennino; creature magiche dalla natura animale, ibrida o antropomorfa che si potevano incontrare in luoghi precisi e per cui gli uomini hanno sviluppato attenzioni, paure ed espedienti per proteggersi. Proprio con un racconto fatto di parole e musica si entrerà in questo mondo per incontrare i morti che ballano nella piana del bosco, l’antichissima strega Lucabagia, il folletto incubo, il Régle – basilisco d’Appennino e il lupo, in un percorso dove l’uomo, il viandante, si sentirà come un Ulisse appenninico intento a compiere un viaggio in cui reale e meraviglioso si alternano e si confondono. Tutte le storie provengono dall’antichissima tradizione orale diffusa sull’arco dell’Appennino tosco-ligure-emiliano, accuratamente raccolte, con un lavoro di anni, casa per casa, paese per paese da Mario Ferraguti.

  

Ore 17

Presentazione La montagna in chiaroscuro

Con Alberto Bregani
A cura di Libreria Diari di Bordo

Montagna e fotografia. È girovagare dentro e fuori il bosco, sopra e intorno alle montagne, tra cime e sentieri, senza meta, senza tempo, seguendo il sole che gira, le nuvole che vanno e vengono, in un gioco di chiaroscuri ogni momento diverso, sopra la neve, dentro la roccia. In ogni scatto tanto silenzio e molta anima. È come se ogni volta io fossi dentro le montagne e dentro la fotografia allo stesso tempo.” Questa la filosofia di Alberto Bregani, apprezzato e conosciuto fotografo di montagna in bianco e nero, che con questo libro invita il lettore a seguirlo sui suoi sentieri tra terra e cielo, condividendo pensieri e riflessioni, ricordi e aneddoti, alla ricerca di quella particolare luce che ogni montagna porta con se, dei suoi suggestivi chiaroscuri, regalandoci ogni volta cosi tanta bellezza da riempirci gli occhi di stupore.

  

Ore 9.40

Presentazione della Destinazione Turistica Emilia

Relatori:
Natalia Maramotti, Presidente Destinazione Turistica Emilia
Stefano Cantoni, Coordinatore Destinazione Turistica Emilia

  

Ore 10.00

Presentazione de “i Castelli delle donne”

  

Ore 10.30

Parco Nazionale dell’Appennino tosco – emiliano – Guida Illustrata

Relatori: Presidente Fausto Giovanelli, Direttore Giuseppe Vignali, Arch. Chiara Dazzi, autrice della guida

Con la Guida Illustrata il Parco Nazionale dell’Appennino tosco emiliano si presenta a chi non lo conosce: una guida veloce, di rapidissima lettura per orientarsi nel Parco e capire i suoi aspetti più interessanti, che è infatti un’introduzione per conoscere il suo territorio da un punto di vista più nuovo e facile.
La guida offre le informazioni di base sul Parco: dove si trova, perché visitarlo, come è fatto. Le pagine illustrate presentano indicazioni semplici sul modo migliore per vivere e apprezzare il Parco, e spunti su cose da fare e luoghi ed esperienze da non perdere. Include anche una mappa che indica le strade principali, i passi e centri visita.
La guida introduce i temi che costituiscono l’identità del Parco Nazionale: la sua straordinaria posizione geografica e il suo rapporto con la storia e la cultura del territorio, il crinale e le differenze tra i due versanti, la diversità di paesaggi e ambienti e le dinamiche in atto tra natura e agricoltura, ciò che costituisce il valore del territorio del Parco, che anche UNESCO ha riconosciuto nel fare del territorio del Parco Nazionale il cuore della Riserva della Biosfera dell’Appennino tosco – emiliano (programma MAB UNESCO).
Un’attenzione particolare è dedicata al cibo e all’antichissima agricoltura di questo tratto d’Appennino, che testimonia il legame profondo tra uomo e natura e ancora oggi dopo secoli e secoli offre produzioni uniche al mondo, come il Parmigiano Reggiano o i Testaroli, e che ha creato una cucina di altissima qualità.
Un glossario e una pagina riassuntiva della cucina tra Emilia, Lunigiana e Garfagnana descrivono piatti e prodotti che sono sconosciuti altrove, per orientarsi su cosa scegliere nei ristoranti del Parco.
La guida contiene infine una breve photogallery e una sezione di informazioni utili, con i contatti dei Centri Visita del Parco e alcuni siti di approfondimento.
La guida è pensata per una lettura veloce, anche limitata a singole sezioni, per poter comprendere in pochissimo tempo quali sono gli aspetti salienti del territorio del Parco Nazionale, e per trovare idee e spunti per visitarlo.

  

Ore 11.30

Il Golosario

Il giornalista gastronomico Paolo Massobrio presenta il suo best-seller

Presentato da Emanuela Rosa – Clot

  

Ore 14.30

Presentazione del Festival del Viaggiatore Asolo (TV)
Ogni vita è un viaggio e il viaggio è metafora della vita.

a cura di Emanuela Cananzi, ideatore e direttore artistico

Il Festival del Viaggiatore si propone di esplorare la dimensione del viaggio in tutte le sue accezioni: percorsi, vissuti e sogni di viaggiatori che si muovono trasversalmente dal mondo dell’arte a quello del giornalismo, dalla letteratura all’economia, dalla geografia all’escursionismo, dal teatro al “fragrance design”, dal cinema alla moda, dalla radio alla musica.

  

Ore 16

Gianluca Caporaso Narrazioni e letture da Appunti di Geofantastica, Lavieri

lncontro dedicato ai bambini
A cura di Libreria Diari di Bordo

In questo quaderno sono raccolti gli appunti lasciati da un viaggiatore straordinario. Un viaggiatore capace di carpire le storie più intime e segrete delle città che attraversava e di ricostruire, con esse, una geografia fantastica quanto illuminante. Sono racconti appuntati nei suoi diari, nei suoi quaderni e perfino a margine di qualche libro che portava con sé. Arricchiti da disegni, piccoli collage o con foglie e fiori rubati agli alberi più esotici incontrati per strada. Ischia, Casalbordino, Terralba, Corleone, Corsano… Storie di città vere (in quanto immaginate) ma, come avverte un frammento stesso degli appunti, in esse non tutto sembrerà vero e non tutto sembrerà falso.

  

Ore 17

Presentazione Vademecum per perdersi in montagna

Con Paolo Morelli
A cura di Libreria Diari di Bordo
 

In questo manuale di filosofia di montagna, Morelli considera una fortuna che la terra sia corrugata e continui in futuro a corrugarsi e a generare rilievi, nonostante le acque lavorino per rendere i continenti lisci, adatti alle strade asfaltate e alla civiltà della ruota. Da pochi lustri si è appreso che le principali catene montuose, contorcendosi come vertebrati, salgono ogni anno di qualche decimillimetro. Questo libro, come scrive Ermanno Cavazzoni, è per chi gode di tale notizia, e spera invece che il mare si allontani, assieme alle spiagge, alle cabine e ai bagnanti, che sono concettualmente agli antipodi. Un “antimanuale”, molto divertente, per vagabondi della montagna su strade non battute, pronti a ogni incontro, dalla nuvola al falco, dal camoscio al grifone. Un’enumerazione di strumenti e incontri, che sono altrettanti racconti, epifanie, inattese risate.

  

  

Ore 9.30

Trento Film Festival :selezione di corti dalla più prestigiosa rassegna dedicata al cinema di montagna

in collaborazione con CAI Parma

Le emozioni di un’impresa, la bellezza dei paesaggi, le storie uniche di uomini e donne alle prese con la selvaggia natura.

·      Annapurna III  – Jochen Schmoll Nepal, Austria / 2016 / 13′
·      The Art of Climbing – Florian Klingler Svizzera, Austria / 2016 / 8′
·      China: a Skier’s Journey – Jordan Manley Canada / 2016 / 17′
·      When the mountains were wild – Johannes Hoffmann Albania, Austria / 2015 / 19′

  

  

Ore 11.30

LeAw- Leave Everything and Wander
Canada e Alaska on the road

A cura di Sara Bertagnoli e Luca Sguazzini

  

  

Ore 12

Trento Film Festival :selezione di corti dalla più prestigiosa rassegna dedicata al cinema di montagna

in collaborazione con CAI Parma

Le emozioni di un’impresa, la bellezza dei paesaggi, le storie uniche di uomini e donne alle prese con la selvaggia natura.

·      Annapurna III  – Jochen Schmoll Nepal, Austria / 2016 / 13′
·      The Art of Climbing – Florian Klingler Svizzera, Austria / 2016 / 8′
·      China: a Skier’s Journey – Jordan Manley Canada / 2016 / 17′
·      When the mountains were wild – Johannes Hoffmann Albania, Austria / 2015 / 19′

  

Ore 15

LM15 – Storia di un lupo che finirà in Francia più di 1000 km dopo

Spettacolo di Mario Ferraguti, con Mario Ferraguti, Andrea Gatti, Paolo Montanari

Si insegue la storia di un lupo, si percorre la sua strada – quella che dalla tangenziale di Parma arriva fino in Francia – per raccontare la storia di tutti i lupi d’Appennino e del loro rocambolesco ritorno.
Tra quelli che non è più il lupo di una volta ma un forestiero extracomunitario e chi lo vorrebbe al guinzaglio o chiuso a guardia del giardino, il lupo, a forza di camminare e camminare chilometri infiniti per quel suo passo mai stanco e dalla zampa slacciata, è ritornato. Ha conquistato l’Appennino, la collina, fino a sfiorare la città e incontrare l’uomo, non si vedevano da quasi cent’anni.
E se l’uomo è rimasto fermo al lupo cattivo e nel frattempo si è creato tanti, tantissimi lupi finti nella testa, il lupo vero non è mai cambiato, e anche questi mille chilometri di LM15, finito in Francia più di mille chilometri dopo, dimostrano che l’uomo si è sbagliato.

  

  

Ore 17

La vita lì dentro
Storie di semi
Di e con Marta Mingucci

Natura Teatro

A cura di Libreria Diari di Bordo

Uno spettacolo di narrazione delicato e poetico.
Il seme, la forza della vita, l’attesa, la cura, la nascita e la crescita. Il ritrovamento di vecchi semi tenuti in un cassetto, come un tesoro antico e poi scordati, scaturiscono fantasia, voglia di scoprire che cosa nascerà. Le storie ingannano l’attesa. Basterà un po’ di terra, calda e umida, un pizzico di amore e attenzione per meravigliarsi ancora una volta della forza della vita.